ZUHAIR MURAD BRIDAL SPRING 2019

Per questa collezione da sposa del 2019, lo stilista libanese Zuhair Murad attinge al movimento Art Deco degli anni ’30 ed in particolare all’architettura del Chrysler Building di New York. Una distribuzione geometrica di paillettes ricamate accentua ogni curva e funge da richiamo all’età d’oro del glamour di Hollywood. Gli abiti sono sensuali e lussuosi, adornati da inserti scintillanti, sopragonne removibili donano volume così come le piume che impreziosiscono lo strascico a corolla, profondi scolli a V ed incantevoli trasparenze eleganti e mai volgari. Questa ostentata sobrietà sposa collari e bustier con un gioco di trasparenza e leggerezza: straordinario l’effetto tatoo ricamato con bellissimi fiori e il pizzo intrecciato quasi come se l’abito fosse disegnato sulla pelle. Le gonne di seta di Mikado si sovrappongono agli abiti, tutto si evolve nei toni crema e bianco sporco, per dare vita a modelli tra l’architettonico ed il luccicante, capace di celebrare il corpo della donna in cerca di un sogno da realizzare.


RAFAELLE


RAFAELLE CON VELO


RINA


RINA CON VELO


REINA CON BOLERO


REINA


RUBY


ROMY


REMY


RHEA CON SOPRAGONNA


RHEA CON VELO


RASHA


RASHA CON VELO


REGINA


RAYANE CON MANTELLINA


RAYANE


ROXANNE


RASSIA CON SOPRAGONNA


RASSIA CON VELO


Zuhair Murad per l’ennesima volta, lascia noi tutte, letteralmente a bocca aperta, il cuore batte forte, le emozioni non si contano, la gioia è realmente alle stesse, sentimenti questi, facili da provare, il difficile a questo punto, sarà sceglierne uno dal momento che sono uno più straordinario dell’altro! Se l’articolo è stato di vostro gradimento, condividetelo su tutti i social, lasciate un commento per farci conoscere la vostra opinione, per maggiori dettali, visitare il sito Zuhair Murad, per ulteriori info, compilate il form di fianco, noi come sempre, ci vediamo alla prossima…See you soon dalle Fashioniste di Nozziamoci Magazine.

Leave a Reply
Your email address will not be published. *

Click on the background to close